focara-novoli-puglia-lecce

La focara di Novoli

Il più grande falò d’Europa e i riti del fuoco in Puglia

Nel cuore del Salento, in Puglia, la parola “fòcara” risuona con l’antichità di un rito legato al fuoco, dedicato a Sant’Antonio Abate. Questa tradizione, diffusa in vari comuni della regione, si manifesta con l’erezione di possenti falò agli incroci delle strade, illuminando la vigilia della festa liturgica di Sant’Antonio.

Le famiglie locali costruiscono con passione queste imponenti pire, diventando custodi di un rito le cui origini affondano nelle nebbie del tempo, forse collegato a antichi riti pagani o a un memorabile terremoto che colpì il Salento secoli fa. Infatti i riti della focara di Novoli risalgono al 1700.

Da San Marzano a Novoli: Storia di Grandi Falò

A San Marzano di San Giuseppe, il “zjarr i madhe,” un grande fuoco risalente al XVII secolo, è un testimone dell’antichità di questa tradizione. Tuttavia, la palma del più grande falò d’Europa spetta a Novoli, provincia di Lecce. Questa maestosa pira, alta circa 25 metri e con un diametro di 20 metri, è formata da oltre 100.000 fascine di tralci di vite. Il lavoro inizia nei primi giorni di dicembre, coinvolgendo circa cento volontari e maestri costruttori d’arte contadina, unendo tradizione e maestria artigianale.

La Costruzione e l’Accensione dello Spettacolo di Fuoco

L’accensione della focara è un momento atteso con trepidazione. Uno spettacolo di fuochi d’artificio segna l’inizio di una notte incandescente, con la pira che arde e illumina, simbolo di devozione a Sant’Antonio Abate.

La focara di Novoli, parte integrante dei “Giorni del Fuoco,” diventa non solo una celebrazione religiosa ma anche un’opportunità di marketing turistico e culturale, coinvolgendo la comunità e promuovendo manifestazioni collaterali enogastronomiche e culturali.

La fase di costruzione della focara negli anni si è trasformata in un emozionante inizio di festa e nel rinforzo dei legami comunitari. Questo processo non è solo un’attività pratica, ma un rituale coinvolgente che unisce attivamente i membri della comunità, creando un senso unico di appartenenza e condivisione.

L’apice di questo coinvolgente processo di costruzione è segnato dalla posa della prima fascina di vite, un momento di grande significato. Questa particolare fascina viene benedetta durante una tradizionale processione che si snoda attraverso le strade del paese. Durante questa solenne processione, il primo fascio è consegnato e deponuto nel luogo predeterminato per la costruzione della focara.

L’accensione del maestoso falò è un momento solenne che si svolge puntualmente ogni 16 gennaio, in concomitanza con la vigilia della festa di San Antonio Abate. Questo imponente rituale segna l’inizio di una notte incandescente, durante la quale la focara illuminerà il cielo e scalderà i cuori fino al giorno dedicato al Santo. Oltre alle tradizionali celebrazioni religiose, tra cui messe sacre e riti devozionali, la festa offre un ricco programma civile.

In questa cornice festosa, si susseguono convegni che approfondiscono gli aspetti culturali e storici legati alla tradizione della focara. Mostre d’arte locale e artigianato arricchiscono il patrimonio visivo della festa, mentre un vivace mercatino offre l’opportunità di scoprire prodotti tipici e manufatti artigianali. La serata è poi allietata da esibizioni musicali che, con le loro melodie coinvolgenti, contribuiscono a creare un’atmosfera festosa e coinvolgente.

Tra Tradizione e Modernità: La Focara di Novoli

La focara di Novoli, oltre a essere una tradizione secolare, è un evento di notevole impatto turistico. La sua notorietà si estende oltre i confini regionali, contribuendo alla valorizzazione del patrimonio culturale immateriale della Puglia.

Riconosciuta tra le destinazioni emergenti dalla Commissione Europea, la focara è un esempio di successo nella destagionalizzazione turistica, attirando ogni anno oltre 80.000 spettatori, secondo uno studio dell’Università Bocconi di Milano.

Dopo le vicende della sua fondazione, la Focara ha ricevuto il prezioso sostegno della Regione Puglia e del Ministero della Cultura. Tale intervento è indicativo dell’importanza attribuita a questo secolare rito del fuoco, confermandone il ruolo imprescindibile come fonte ineguagliabile di cultura e identità che merita di essere preservata e tramandata.

focara-novoli-puglia-riti-del-fuoco
Focara – Novoli

Notorietà Nazionale e Internazionale: Tra Arte e Musica

Negli ultimi anni, la focara di Novoli ha conquistato una notorietà nazionale e internazionale grazie all’organizzazione impeccabile e alla partecipazione di artisti di fama mondiale.

Mimmo Paladino, Ugo Nespolo, Hidetoshi Nagasawa e Jannis Kounellis hanno contribuito con opere d’arte che vanno oltre il semplice falò. Questi hanno arricchito i contenitori culturali di Novoli con installazioni artistiche di grande impatto.

Tra i cantanti sul palco negli ultimi anni ci sono: i Morcheeba, Sud Sound System, Antonio Castrignanò, Cesare Dell’Anna e l’Orchestra popolare della Notte della Taranta.

La Focara di Novoli come Eterno Legame tra Passato e Presente

La focara di Novoli è più di un semplice falò. È una celebrazione profonda delle radici culturali del Salento, un legame eterno tra passato e presente. La sua notorietà e il suo impatto turistico testimoniano la capacità di questa antica tradizione di mantenersi viva. L’evento riesce ad unire spettacolo e autenticità in un tripudio di fuoco e devozione. La focara continua ad incantare e attirare l’attenzione di persone provenienti da tutto il mondo, mantenendo viva la fiamma di una tradizione millenaria.

Evviva i riti del fuoco in Puglia

52630cookie-checkLa focara di Novoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *