carnevale-in-calabria

Carnevale in Calabria

Le tradizioni autentiche e gli eventi da non perdere

La regione della Calabria, ricca di storia e cultura, celebra il Carnevale con una serie di festività uniche che catturano l’essenza della comunità locale. Da secoli, questa manifestazione ha rappresentato un’occasione per esprimere l’identità e la creatività attraverso sfilate, maschere tradizionali e spettacoli coinvolgenti.

Attraverso questo viaggio tra i Carnevali calabresi, esploreremo le peculiarità di ogni celebrazione, immergendoci nella tradizione e scoprendo come il folklore si intrecci con la modernità. Dall’antica Guardia Piemontese alla vivace Lamezia Terme, ogni carnevale offre uno spettacolo unico, arricchito da maschere caratteristiche e rituali intramontabili.

Scopri il fascino del Carnevale in Calabria, dove la storia si fonde con la festa, e le tradizioni resistono al passare del tempo, colorando le strade di gioia e allegria.

Carnevale di Castrovillari

Il Carnevale di Castrovillari, giunto alla sua 65ª edizione, è il più noto in Calabria. Le sue origini nel Seicento portano alla rappresentazione teatrale dell’Organino davanti al comune. Un evento che ha contribuito alla crescita della comunità, con la partecipazione di gruppi provenienti da ogni parte d’Italia e del mondo. Oltre alla premiazione dei gruppi mascherati, si tiene il gran gala del folklore, premiando i gruppi folk ospitati in uno dei festival più importanti d’Italia. Il Carnevale di Castrovillari rappresenta il folklore italiano attraverso attività culturali.

Carnevale di Alessandria del Carretto

In questo borgo calabrese, il Carnevale celebra Pulcinella, con maschere dei belli e dei brutti che si alternano nella sfilata. Tra balli seducenti e movenze curve, i belli indossano pantaloni con millerighi, scarpone, cravatta, camicia bianca con fazzoletto nel taschino e pregiati scialli colorati. Le maschere di legno coprono il volto, mentre sul capo indossano il cappellett, un copricapo decorato con strisce colorate e uno specchio al centro. Il carnevale termina con la lotta tra il bene e il male, esorcizzando il male e invocando serenità e prosperità.

carnevale-di-alessandria-del-carretto
Carnevale di Alessandria del Carretto – le maschere ufficiali

Carnevale di Amantea

Nato nel Seicento, il Carnevale di Amantea unisce tradizione e storia. Le celebrazioni coinvolgono l’intera comunità con scherzi, sfilate e maschere tradizionali. Il carnevale è ricco di colori e coinvolge tutti gli abitanti in un corteo festoso. Carnevale è accompagnato dalla moglie Corajisima, la sapiente donna che desiderava la morte del marito. La festa termina con il funerale di Carnevale e la sua effigie bruciata tra le fiamme.

Carnevale di Guardia Piemontese

Il Carnevale di Guardia Piemontese ha origini nel gruppo di profughi valdesi dal Piemonte. Questo carnevale, noto nel territorio di Cosenza, presenta maschere tradizionali del carnevale occitano. Il corteo include carri e maschere, con la partecipazione di gruppi del folclore locale. I costumi richiamano le tradizioni piemontesi, testimonianza delle origini della festa.

Carnevale di Lamezia Terme

Pur non avendo una storia secolare, il Carnevale di Lamezia Terme è diventato il più ricco di spettacoli. Artisti di strada intrattengono il pubblico durante le sfilate di carri e maschere. Simboli come Capitan Latermino, Giangurgolo e Rosinella animano la festa, con spettacoli di satira e allegoria.

Carnevale di Maida

Il borgo sulle colline calabresi, con una minoranza albanese, utilizza il Carnevale come occasione per satirizzare temi attuali. La comunità si ritrova, rafforzando i legami con gruppi mascherati, danze e il rogo di Re Carnevale a concludere la festa.

Carnevale di Corigliano-Rossano

Il Carnevale di Corigliano-Rossano presenta la maschera tipica di Clementizia, unendo la clementina e la liquirizia, eccellenze del territorio. La tradizione e l’identità emergono durante il carnevale, riflettendo l’inimitabile carattere del territorio.

Carnevale di Reggio Calabria

A Reggio Calabria, il Carnevale ruota attorno a Giangurgolo, la maschera più nota della regione. Originariamente nata a Napoli, Giangurgolo è ora una figura chiave nel Carnevale reggino. La tradizione si mescola con le influenze spagnole e aragonesi, rendendo Giangurgolo una figura iconica.

Il Carnevale in Calabria

La tradizione del carnevale continua nei comuni di Acconia di Curinga, Rossano Calabro, San Sosti, Fuscaldo, Polistena con Taurianova e Cinquefrondi.

53150cookie-checkCarnevale in Calabria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *