una-boccata-d-arte-2023

Una boccata d’arte

FacebookTwitter

20 artisti sono ospitati in 20 borghi per una mostra itinerante.

Dal 24 giugno al 24 settembre 2023 si svolgerà la quarta edizione di “Una Boccata d’Arte“, un progetto di arte contemporanea che coinvolge 20 borghi, uno per regione, con l’obiettivo di valorizzare il patrimonio storico e paesaggistico dei piccoli centri con meno di 5mila abitanti.

Grazie alla collaborazione tra Fondazione Elpis, Galleria Continua e l’agenzia creativa Threes, saranno invitati 20 artisti emergenti, italiani e internazionali, a creare altrettante opere in relazione con la storia e le tradizioni del luogo e di chi lo abita. 

La manifestazione permetterà di ammirare mostre, progetti e installazioni site specific in luoghi inaspettati lungo tutta la penisola, creando un dialogo inedito tra arte e territorio. 

Grazie al successo delle edizioni precedenti, sempre più borghi desiderano partecipare al progetto e le venti installazioni sono diventate permanenti. 

l progetto “Una boccata d’arte

Il progetto “Una Boccata d’Arte” è stato ideato da Marina Nissim, Presidente della Fondazione Elpis, nel 2020 come risposta alla pandemia, con l’obiettivo di fornire un incoraggiamento alle comunità locali e al tempo stesso creare opportunità di espressione per artisti sia emergenti che affermati.

Il progetto “una boccata d’arte” è giunto alla quarta edizione.

Ogni anno, Fondazione Elpis invita 20 artisti emergenti e affermati italiani e internazionali a creare progetti site specific che collegano l’Italia attraverso un percorso culturale unico. 

Gli artisti sono selezionati per la loro diversità di pratiche e ricerche, in modo da offrire una panoramica completa della scena artistica contemporanea, dalla pittura alla scultura, dalla fotografia al video, dall’installazione al suono e alla performance. 

Dopo un periodo di residenza nel borgo, gli artisti creano interventi artistici in dialogo con il luogo e il contesto locale. 

Una Boccata d’Arte è l’occasione per esperimentare, utilizzare nuovi materiali, sviluppare la propria ricerca in un ambiente stimolante e confrontarsi con nuovi orizzonti. 

È un invito all’ascolto, al dialogo e alla libertà di espressione.

L’appuntamento per le inaugurazioni in tutti i 20 borghi sono previste sabato 24 e domenica 25 giugno.

Durante l’intera stagione estiva, si possono scoprire mostre, progetti e installazioni in luoghi inaspettati. Un viaggio lento culturale alla scoperta dei borghi e dell’arte.

I borghi  e gli artisti per l’edizione 2023

I borghi selezionati, hanno un numero di abitanti che non supera i cinquemila. A portare nuova linfa saranno artisti affermati ed emergenti provenienti non solo dall’Italia, ma anche dal Brasile, Cipro, Costa d’Avorio, Germania, Iran, Israele, Lettonia e Palestina e Regno Unito.

Ciascun artista entra in relazione con la storia del borgo e con i suoi abitanti, coniugando le peculiarità del luogo e la propria ricerca personale, dando vita a un intervento inedito, composto talvolta da più opere diffuse. Per questa edizione sono:

ABRUZZO 

Pietracamela (TE) – Simone Carraro

BASILICATA

Rivello (PZ) – Arianna Pace

CALABRIA 

Santa Severina (KR) – Mohsen Baghernejad Moghanjooghi

CAMPANIA

Cetara (SA) – Serena Vestrucci

EMILIA ROMAGNA

Travo (PC) – Raghad Saqfalhait

FRIULI-VENEZIA GIULIA

Aquileia (UD) – Judith Hopf

LAZIO 

Rocca Sinibalda (RI) – Laetitia KY

LIGURIA

Castelvecchio di Rocca Barbena (SV) – Leonardo Meoni

LOMBARDIA

borgoGardone Riviera (BS) –  Jacopo Benassi

MARCHE

Petritoli (FM) – Margherita Raso

MOLISE

Agnone (IS) – Diego Miguel Mirabella

PIEMONTE

Vermogno (BI) – Invernomuto

PUGLIA

Maruggio (TA) – Evita Vasiljeva

SARDEGNA

Belvì (NU) – Raffaela Naldi Rossano

SICILIA

Pollina (PA) – Ella Littwitz

TOSCANA

Fosdinovo (MS) – Theodoulos Polyviou

TRENTINO-ALTO ADIGE 

Pieve Tesino (TN) – Benjamin Jones

UMBRIA

Toscolano (TR) – Mattia Pajè

VAL D’AOSTA

Fénis (AO) – Stefanie Egedy

VENETO

Costozza (VI) – Diego Perrone

Un viaggio lento attraverso l’arte contemporanea e i borghi italiani

Ogni anno, Una Boccata d’Arte si dedica alla ricerca di 20 borghi in Italia, uno per ogni regione, con popolazione inferiore a 5.000 abitanti e situati in aree diverse per scoprire tutto il territorio italiano.

Le peculiarità socioculturali e il patrimonio storico-artistico, architettonico e paesaggistico, oltre alle risorse locali e alle tradizioni artigianali, sono tutti elementi che ispirano la creazione dei progetti artistici. 

Le opere, spesso esibite all’aperto e sparse per le vie dei centri urbani, nascono dall’interazione e dal dialogo tra gli artisti, i residenti e l’ambiente circostante.

Rivello (PZ), Basilicata

L’iniziativa ha visto sempre più adesione da parte dei Comuni interessati, che ora propongono la loro candidatura per partecipare al progetto e in alcuni casi acquisiscono le opere create dagli artisti, rendendole parte del patrimonio permanente a disposizione dei residenti e dei visitatori. 

Gli organizzatori di Una boccata d’arte accettano proposte di candidature da parte dei Comuni italiani interessati a ospitare l’evento. 

Questo progetto itinerante attraverso le regioni italiane è un mix perfetto di arte contemporanea, cultura e viaggio lento, che ha avuto grande successo nelle edizioni passate.

 Una delle finalità del progetto è attirare l’attenzione sulla problematica dello spopolamento e dei borghi abbandonati in Italia.

Iniziative come Una boccata d’arte vogliono contribuire a ridare vita a questi luoghi. Un invito a riscoprire la meraviglia. 

Costozza (VI), Veneto

In questa lotta contro i “fantasmi d’Italia“, le iniziative come questa o quelle che promuovono il buon vivere come Wonder Grottole e le città del buon vivere rappresentano una vera e propria cura.

Buon viaggio nell’arte e nei borghi italiani!

42440cookie-checkUna boccata d’arte